back
 

send me an E-Mail
scrivi a
il mio Zarathustra

Indice

2013

Libertà è partecipazione

Elezioni bistrattate

2012

Il fenomeno Occupy

Europa liberticida

L'oppio dei popoli

Il Titanic politico

I'origine dei debiti

Il tempo del non tempo

Assuefazione tecnologica

2011

Cittadini equizzati

Interessi Nazionali

Incubo estivo

Metafora sui giovani

Sfere private defraudate

Energia vs Democrazia

Le vicende mediatiche e noi

Il cavallo sanremese e il bunga-bunga

Per noi polli felici

Le mie formule inesatte

Inizio d'anno improvviso

2010

Un problema di attori

Anime spente

Omolagazione delle menti

L'angoscia dell'anonimato

I vecchi tempi

Incognite elettorali

Linfe vitali

2009

Chiacchere sul Natale

La crisi è finita

Noi viandanti del web

L'uomo subordinato

Timori e diffidenze

La decrescita
un'eresia?

2008

Armagheddon sull'economia globale

Sul razzismo globalizzato

Coriandoli di piazza

In mano ai calabroni

Evasione dalla natura

Educare rende forti

il saggio disubbidiente

La situazione nel 2008 è buona



2007

L'esaltazione della durezza

La civiltà degli Outlet

La bontà fraintesa

Cogito ergo non sum

Virus anarco-individualismo

Evasioni Estive

Follie Estive

La nostra agenda

Compito di genitore

Salvare il pianeta


Mamme con la valigia

La libertà di opinione

I mass media
oggi


Premessa ai
mei commenti

Siamo fottuti!

Il clima cambia noi no

2006
Noi emulatori
del potere

la proprietà privata

la diffidenza

Il sentimento
del "noi"

Essere gaudenti

La pubblica ottusita

Il valore
delle proprie convinzioni

pensieri di primavera


2005
Voto per corrispondenza

2004
Riflessione
di fine anno

Il mio Modo

Natale

Contro
corrente


Stiamo
Invecchiando


Lettera agli
amici








La mia pagina
su Nietzsche

 
 

Il mio Zarathustra vuole essere una finestra sul mondo per comunicare
con degli spiriti liberi, e bisognosi di potere esprimere in piena sincerità
il proprio pensiero.  Mario Pluchino / 12 Novembre 2004
 


Generale


Periodo 2011

Cittadini equizzati 03/12
In un proibitivo e inimmaginabile futuro la Salerno Reggio Calabria è finalmente conclusa i veicoli che la percorrono sono auto elettriche. La più grande azienda italiana che nel passato produceva automobili ora si dedica alla produzione di biciclette e veicoli elettrici. I governi formati un tempo dai politici oggi ha i suoi rappresentanti tra i cittadini, il cui mandato è a tempo determinato e in base ai risultati ottenuti. Il sistema retributivo è regolato in base alle reali entrate e al capitale dichiarato. La borsa, dopo il quasi azzeramento dei titoli, e dopo avere fatto fallire quasi tutti i governi che si dichiaravano democratici , è stata chiusa per sempre e i suoi e specialisti impiegati nella ricerca per salvaguardare l'ambiente. Ogni infrazione del codice penale da parte dei cittadini comporterà un impiego da parte dell'interessato a seconda del reato, nel campo sociale con l'impiego di speciali braccialetti per localizzarne la posizione. Il debito delle famiglie verrà azzerato e saremmo finalmente liberi di tanta ansieta e malessere creatosi nelle famiglie, tramite le strategie di mercato che avevano convinto tutti noi, che per vivere meglio serviva acquistare ogni bene possibile. Il proprio benessere non verrà più misurato in base alle merci acquisite, ma secondo le capacità intellettive e spirituali. Inoltre il bene in assoluto più prezioso sarà il tempo che andrà oltre il concetto del denaro, ma verrà dedicato in attività salutari e sociali, incontri regolari tra amici e per i genitori attività ricreative con i figli. Ma ahimé oggi assistiamo ai colpi di stato attuati dallo spread imposto da delle istituzioni che di fatto hanno sostituito il corpo elettorale, cioè il nostro diritto sacrosanto (per la verità poco in uso) di decidere il nostro destino. Lo spread non è una parolaccia, ma si tratta del ricarico che ogni banca decide di aggiungere al tasso di base quale proprio ricavo. Il principio è classicamente commerciale. Il commerciante (la banca) compra il prodotto (il denaro) ad un prezzo (tasso di scambio interbancario) e lo rivende alla sua clientela ricaricato di un margine di guadagno (spread). Così possiamo affermare che Monti, Lucas Papademos e Mariano Rajoy sono stati eletti dallo spread. Leggo da fonti non pubblicizzate che dei 1.900 miliardi di debito circa metà li abbiamo piazzati all'estero, dalla Gran Bretagna alla Cina. Cosa ci rimane? Per non fare fallire il paese ci restano da vendere gli immobili del demanio, le quote delle poche grandi aziende che ci rimangono, come l'Eni, parte del nostro patrimonio personale, la diminuzione di servizi sociali e qualche sforbiciata su tasse e pensioni. Ci volevano i tecnici per abbattere questa spada Damocle sulle nostre teste? Dove erano tutti gli esperti di economia negli ultimi 10 anni in Italia e nella UE? In tutti questi anni le politiche europee mostrando incertezza sulle responsabilità causate dall’avere un grande potere, hanno lasciato che gli stati sviluppassero un modello di economia basato sul debito. Tornando alla rappresentazione metaforica riportata da Cicerone cito dalla storia: "Damocle è un cortigiano di Dionisio II, tiranno di Siracusa; egli è un forte adulatore del tiranno, e gli fa spesso e volentieri notare la sua fortuna nell’avere un grande potere ed una grande autorità. Tuttavia, essendo di parere contrario, il tiranno gli propone di scambiare i ruoli per un giorno, così che Damocle stesso possa godere della fortuna dell’adulato. Facile aspettarsi che Damocle accetta lo scambio: durante il banchetto egli comincia quindi ad assaporare i piaceri derivati dal potere, i cibi prelibati e le bellissime donne che lo circondano. Solo alla fine si accorge di una spada sospesa sulla sua testa, sostenuta soltanto da un crine di cavallo, che il tiranno stesso aveva fatto mettere lì per rappresentare la sua continua esposizione a minacce ed il rischio continuo della sua incolumità. Subito Damocle si ricrede sulla sua (anche se momentanea) fortuna e chiede a Dionisio di terminare anzitempo il loro avvicendamento.

Così abbiamo fatto noi per decenni con le nostre finanze. I governi che si sono susseguiti invece di ridurre il debito accumulato hanno fatto ben poco per diminuire le spese. Come Damocle ci siamo seduti a turno sia i politici, chi già possedeva tanto, e il popolo illuso da tanto benessere "regalato" a forza di crediti "ad'un vantaggioso tasso di interessi". Purtroppo a differenza di Damocle la crine di cavallo che sosteneva la spada messa li dal tiranno (i mercati), si è abbattuta e così le sorti di interi STATI NAZIONE, di interi POPOLI, sono di fatto assoggettati ai MERCATI! I capricci di pochi squali privilegiati che "giocano in borsa, speculano e lucrano decideranno negli anni a venire le nostre economia nazionali e famigliari. Tanto basta esaltarsi con le partite di calcio, il gioco di azzardo, l'alcol e le droghe varie, per liberarci dalle nostre responsabilità e sensi di colpa vero?

Eppure basterebbe così poco per fermare tutto! Come in altre occasioni già dissi, abbiamo (ancora) lo strumento globale,mondiale e planetario, ma non lo facciamo funzionare! La rete! Se qualche miliardo di persone si mettesse in testa di cambiare le cose,sarebbe difficile fermarle. La realtà purtroppo è che l'essere tutti sparpagliati nel proprio individualismo, facilità solo queste quattro teste di "tecnici" (per non dire parolacce) che senza di noi sarebbero il nulla! Una soluzione possibile dice: Perseguiamo pure gli speculatori, chiediamo pure di riavere la nostra sovranità monetaria, ma non pensiamo di ritornare ai tempi dell'autarchia perché sarebbe un disastro...

Si parla negli ambienti antiliberali di autosufficienza personale. Ad esempio per gli individui il coltivare il proprio cibo in un terreno, oppure diventare autonomi dal punto di vista energetico e staccarsi dalla rete elettrica, utilizzare la radio CB per comunicare con l'esterno ecc. Ma come sarebbe realizzabile raggiungere per gli stati e regioni, l'autosufficienza. Nel caso di entità politiche centrali (paesi indipendenti), l'autosufficienza significa spesso fare a meno dei prestiti del Fondo Monetario Internazionale, della Banca Mondiale, e dunque non dover implementare le politiche neo liberali che spesso impone a cambio dei prestiti. Diamo la colpa del fallimento della Grecia, Italia e Portogallo al capitalismo sfrenato governato sempre più dal mondo della finanza? Credo che la verità sia nel mezzo. I governi cadono in giro per il mondo e, solitamente, laddove durano molto non è perché il sistema funziona meglio, ma semplicemente perché c’è una forma più o meno consistente di dittatura. Come nel Venezuela di Chavez, ad esempio o nella russia di Putin. Inoltre, può davvero definirsi capitalista un Paese in cui la spesa pubblica supera la metà del Pil (vedi l’Italia) o nel quale oltre il 40 per cento della forza lavoro è dipendente pubblico (vedi la Grecia)? Io lo dubito fortemente. Accontentiamoci dei regali natalizi in arrivo dal pluri laureato professore Monti l'esorcista. Esorcista non però contro il demone del capitalismo, ma contro le sue vittime cioè i cittadini. Ripeto il concetto già espresso in altre puntate: BOICOTTIAMO IL NATALE, ORGIA CAPITAL-CONSUMISTICA!!!!! faremo così anche noi un bel regalo a questo governo dei banchieri, dando oltretutto a questa festivita il suo autentico valore.

 

Interessi Nazionali 10/09

Le opposizioni in Italia e in Svizzera dopo la manovra economica del governo chiedono ai propri parlamentari e alle opposizioni, di battersi in Parlamento e nel paese, assieme alle forze sindacali, per modificare per l'ennesima volta (manovra bis?) ciò che dopo vari ripensamenti e modifiche verrà deciso da chi governa. Le opposizioni si appellano alla moralità da parte dei rappresentanti nelle istituzioni e di equità nelle opportunità e nei doveri. È buffo sentire parlare di manovre eque e di sacrifici da parte di coloro che per pudore non dichiarano anch'essi i profitti fatti nei loro mandati come parlamentari, e di tutti i privilegi di cui hanno goduto. Mentre Le aziende si spostano in paesi senza diritti sindacali, dove si pensa solo a lavorare, i lavoratori della tanto decantata unione Europea diventano cassintegrati o disoccupati. È in atto da quasi un decennio uno smantellamento dei diritti sociali nei vari paesi cosiddetti democratici, che solo adesso ce ne rendiamo conto?

In Italia indipendentemente da chi governava, venne bloccato a tutti dipendenti della Pubblica Amministrazione ogni aumento di stipendio, tagliata la tredicesima, sottratto il Tfr e molti vennero licenziati. Nessuno si ribellò e tutti rimasero in silenzio. Magari si sentivano in colpa per il debito pubblico loro stessi. Venne poi il turno dei possessori di titoli di Stato che furono congelati per dieci anni. Anche ai futuri pensionati la data della pensione fu spostata di un anno, poi di due, poi di cinque, poi per sempre. Nessuno reagì. Mentre i parlamentari compresi coloro che in Svizzera godono di questo titolo, si assicurano dopo una legislatura la meritata pensione. Mors tua, pensione mea. Senza avere la sfera di cristallo non credo esista speranza con i politici attuali, sono dei “non legislatori arricchiti” pronti a vendersi al migliore offerente (vedi il tanto per anni decantato Razzi da parte del vostro giornale), guardoni super pagati, condannati in via definitiva, plurieletti da decenni ….

Per continuare nella mia (fantasiosa) panoramica dello scempio attuato con altre manovre ideate o proposte da quel genio di Tremonti piuttosto che Padoa Schioppa, in ordine sparso e senza preferenze il futuro lo vedrei così: Visto che nessuno protestava, dichiararono il default dello Stato. Poi, precari, cassintegrati, disoccupati, insegnanti, dipendenti pubblici, mai pensionati, ex pensionati, risparmiatori, proprietari di casa e, in generale, tutti gli italiani ridotti alla miseria!

Un giorno non troppo lontano con l'aiuto dei media moderni (internet) che godono di maggiore libertà, i cittadini si organizzeranno e andranno a prendere i politici. Nessuno protesterà.

Le categorie già colpite apprezzeranno di non essere le uniche a pagare la crisi. Come già riportato in vari siti del web il testo di Martin Niemöller, “Prima di tutto vennero a prendere gli zingari…” va a pennello per descrivere la situazione sociale-economica del nostro belpaese. Sopratutto il finale è emblematico "Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare".

Chi di noi nella tranquilla Svizzera metterebbe la faccia tra i politici e non, manifestando contro le decisioni del governo attuale? Ora, se invece di vivere solo nel mondo virtuale di questi forum e criticare chi si espone dedicando tempo ed energie per un idea in cui crede, qualcuno si esponesse per fare rispettare le proprie opinioni?

E' mai possibile che ci si sia ridotti a dover mantenere coloro i quali si dovrebbero occupare di governarci ed invece pare che abbiano come unico scopo quello di aumentare i propri privilegi? Poi leggo le dichiarazioni del nostro presidente della repubblica che dall'alto della sua venerata età parla di valorizzare i giovani. Con quali forze

protestare davanti alla sede dei consolati, sui tagli effettuati per la scuola le sedi ecc., quando poi leggo che lo stato finanzia l’editoria per circa 700 milioni di euro all’anno (nel 2008). A chi, come, e soprattutto a che titolo vengono spesi questi soldi? Poiché in Italia si legge poco e nessun giornale riesce a vivere di sole vendite.

Potranno loro che governano confondere l'interesse nazionale con il loro? Potranno mai fare un errore simile?


Incubo estivo 29/07

Mi diletto a volte fantasticando sulle vicende quotidiane per rendere meno grigia la realtà proposta dai media, che ci riscaldano con i loro guai e "consigli per gli acquisti" di illusioni. Ho fatto un sogno che è poi diventato un incubo. Un giorno mentre andavo al lavoro con la mia moto, canticchiavo tra me le solite canzoncine dei miei autori preferiti. Mi sentivo abbastanza felice e sereno di vivere in un Paese ordinato, stabile economicamente, sicuro, che mi permetteva di avere un buon tenore di vita per me e la mia famiglia. In questo limbo di felicità effimero venni bruscamente interrotto da un tizio in uniforme che mi intimidò di fermarmi. Dopo avere controllato i miei documenti mi fece notare che dalla settimana in corso tutti i veicoli che circolano in città con un un mezzo privato erano soggetti al pagamento di un ticket giornaliero per accedervi. Lei inoltre disse l'uomo in divisa, finge di non sapere che vige il 20 all’ora generalizzato in tutta l'area cittadina? Fanno due contravvenzioni egregio signore mi dichiarò gentilmente. Una per il mancato ticket e l'altra per "Eccesso di velocità!". Voglia per cortesia digitare il suo codice di accesso per effettuare il pagamento online tramite il suo chip biometrico! Purtroppo ero stato bersaglio giorni prima di un attacco Cybercrime a colpi di virus, e un software maligno aveva rubato la mia identità cancellandomi tutti i dati. Imbarazzato per la situazione feci capire al tizio in uniforme cosa mi era capitato, ma lui avendo in dotazione un nuovo modello di pistola Taser che trasmette alla persona colpita 50 mila volt, la usò senza indugi avvertendo la mia ira crescente . Caddi accasciato al suolo e mentre arpionato dai due fili metallici subivo l'arco elettrico azionato dal tutore dell'ordine, provavo oltre al forte dolore la sensazione di essere veramente nei guai. Era solo l'inizio di ciò che doveva seguire!

Dopo alcuni interminabili istanti venne una volante dei servizi di sicurezza a prelevarmi per portarmi per ulteriori accertamenti in centrale. Non avendo più accesso ai mie dati sul database della città per un guasto sulla rete, gli inquirenti dovettero trattenermi in centrale e segui un lungo interrogatorio alla ricerca delle mie reali origini e intenzioni. In serata venni rilasciato con un braccialetto elettronico indossato alla caviglia. Mi ribellai rivendicando i miei diritti di cittadino libero ma come risposta venni condotto davanti ad'uno schermo in cui un filmato spiegava il funzionamento del bracciale. In pratica un'Unità di Sorveglianza Locale (SMU), simile ad una comune radiosveglia, viene installata presso l'abitazione del soggetto sottoposto al controllo e riceve i segnali inviati dal braccialetto elettronico all'interno di un perimetro ben definito. Il detenuto deve rimanere nel raggio di comunicazione delle due periferiche: in caso contrario scatta immediatamente l'allarme.

Per riprendermi dalle sventure una volta "libero" ho pensato di andare in un bar vicino a bere qualche cosa di forte. Mi ero dimenticato che vigeva la legge che vietava a chi era in stato di vigilanza di consumare alcolici, e così mi accontentai di un caffè... a 10 franchi. "Colpa del franco forte", dissi tra me e cercai di rilassarmi ascoltando il "Notiziario dell'impresa". Durante le interruzioni della pubblicità venivano date alcune informazioni in forma di bollettini sulle guerre in corso in varie parti del mondo, e delle ricadute delle stesse sulle borse mondiali. Non essendoci più da decenni dei governi nel senso tradizionale in cui i cittadini (parola in disuso) votavano i loro rappresentanti, nel mondo del mio incubo prevaleva da tempo l’economia sulle decisioni sociali. Per cui non essendoci più distinzioni sociali prevaleva unicamente la legge delle oligarchie territoriali che si ripartivano le ricchezze delle nazioni usando dei cloni di nuova fabbricazione per la produzione locale, e quella indigena sempre più sottomessa dei paesi sudditi. Per nostra fortuna la piaga della criminalità organizzata nelle nazioni benestanti, era stato brillantemente estinta come anche i numerosi decessi per incidenti stradali o delitti passionali. Cose barbare e meschine di altri tempi. La scienza sempre più al servizio dell'uomo (di potere), aveva escogitato diverse invenzioni che aveva dotato le oligarchie di strumenti assolutamente efficaci, per avere non solo il controllo completo sulla popolazione, ma l'eliminazione radicale di ogni tipo di volontà propria da parte di tutti noi. Tutto ovviamente in nome della sicurezza nazionale. In pratica dalla nascita che avveniva in un laboratorio, ognuno subiva un leggero e indolore trapianto di un chip biometrico, che aveva molteplici usi. Oltre alla scomparsa del denaro fisico, tramite dei ripetitori distribuiti in ogni parte e collegati con i migliaia di satelliti di nuova generazione, l'impresa (così era chiamata la nuova forma di potere), ogni servizio offerto e merce acquisita veniva letta dal nostro cervello implementato che in constante contatto con i proprio satellite di quartiere elaborava ogni tipo di transazione.

Essendoci liberati del lavoro faticoso delegato da diverse generazioni agli immigrati (un tempo li respingevamo), tramite il notiziario si veniva informati sullo stato delle azioni delle imprese che ognuno rappresentava (al posto dei vecchi partiti). Il notiziario inoltre elencava giornalmente coloro che per imprudenza avevano dimenticato di caricare il proprio alimentatore dei vari chip implementati o tentato in qualche modo di manipolarlo. Così il malcapitato veniva pubblicamente retrocesso dalla casta in cui godeva di molteplici servizi, per essere assorbito in forma precaria o definitivo da qualche catena produttiva estera. Eravamo passati senza rendercene conto nel corso di una generazione, dall’economia del Pil a quella della felicità programmata. Altre notizie meno catastrofiche segnalavano di come gli ultimi 50 anni siano stati catastrofici per il clima, infatti già dal 2009 si iniziarono a sciogliersi i ghiacciai immensi. La terra tremò più volte in varie parti del pianeta. Per il resto dopo qualche anno di agonie spiegava il servizio siamo tornati come prima, più o meno. Nuove specie animali, nuove piante e “nuovi” esseri umani che si sono adattate al nuovo clima. In quanto agli esseri umani (questo già era saputo) si sono evoluti con ad'esempio gli occhi gialli (per proteggere gli occhi dagli UV e le pupille feline. Possiamo oggi correre fino a 110 Km/h e da alcuni mesi stanno crescendo bambini verde scuro. Le culture e le usanze che avevamo nel nostro mondo ormai sono andate perse, ovviamente, però ci sono ancora piccole nazioni con le loro usanze e lingua intatte. Gli USA, il Brasile, la Russia e poi è rimasta la Cina.

Cosa succederà a questo nuovo mondo e alla sua popolazione mi chiedo senza tante riflessioni? Ormai il mondo è stato rivoluzionato, noi non dovremmo neanche più esistere, infatti siamo pochi milioni di terrestri “normali”. C'è una pace inimmaginabile, non c'è fame, non ci sono guerre, c'è ancora più tecnologia di prima... insomma si sta davvero benissimo. A parte la foresta amozzonica scomparsa e lo scioglimento totale dei ghiacciai, l'aria è parzialmente respirabile per chi è munito delle speciali maschere protettive. Per chi non può permettersele la soluzione e di rimanere chiuso negli appositi ambienti climatizzati e messi a disposizione dall'impresa. Il potere delle razze asiatiche che hanno preso il sopravvento in Occidente sono generosissimi con i superstiti ma lasciano gli abitanti del Sudamerica a morire per le radiazioni e la Russia di fame e di stenti. Pur affermando di essere felice essendo quasi immortali, un po alla volta moriremo lentamente per le radiazioni solari ormai incontrollabili per via dell'atmosfera che tale non non possiamo più definirla.

L'uomo quando si trova ad'affrontare situazioni disperate tende a sfogare il suo rancore, il suo dispiacere, la sua rabbia attraverso il rivolgersi a un’entità ritenuta dal senso comune superiore e comunemente chiamata Dio. Per questo nel mio incubo sentivo dire in giro che era in arrivo un nuovo Messia mandato dal Creatore universale, che giudicherà tutti gli uomini, uccidendo brutalmente i non degni;e così addio all'ipotetico Dio benigno e pietoso. Mi trovo a raccontare dal 2054 questa storia assurda, e già lo so che nel mio pessimismo mi sto chiedendo come sia possibile che io abbia passato i 90 anni, e vivi con la mia compagna e 2 figli. Ti assicuro che sono Te dal futuro! In questo incubo senza fine di cui non è stato affatto semplice uscirne, mi svegliai di soprassalto, grondante di sudore. Era solo un incubo, per fortuna ..., mi sono detto tirando un sospirone di sollievo.

Sul mio comodino trovai un libro con delle pagine aperte che leggendo frugalmente citavano una aforsimo di Leonardo Da Vinci: "Data la causa, la natura opera l'effetto nel più breve modo che operar si possa." Che il confine tra incubo e realtà sia meno evidente di quel che pensiamo?


Metafora sui giovani 15/05
Alcuni insetti come lo scarafaggio hanno la capacità di resistere a tutto. Infatti da milioni di anni ancor prima dell'era dei dinosauri essi già esistevano. Così anche le nuove generazioni sono indistruttibili alle avversita. Vi sono poi altri insetti come la mosca che liberandosi nell'aria evitano ogni possibile piaga, rimanendo però sempre all'erta nel caso di bottini facili da preda.

Così i giovani rifugiandosi in ogni scarico (le cattive abitudini) riemergono con sempre nuovi propositi e ingegni. Noi uomini saggi e maturi a cui il tempo e l' esperienza, hanno deteriorato sia la fiducia come anche la volontà di credere in un futuro migliore siamo quelli più pessimisti. Non spaventatevi per il domani, gridano questi esseri alati o muniti di corazze robuste cui la natura a reso servizio. Il debito pubblico in molti paesi è alle stelle, la disoccupazione naviga in acque sempre più pericolose, il debito privato per famiglia dilaga, milioni di precari (la parte malate del paese direbbe un noto politico-nano). Senza contare i cassintegrati futuri disoccupati, e dulcis in fundum l'esaurimento dei fondi sia per la cassa integrazione come quella per le pensione. Mettiamoci poi le banche che falliscono, e il flusso di sfigati (comunemente detti clandestini) e ditemi voi con quali prospettive sopravvivranno le generazioni future rappresentate dai giovani?

Dopo le pseudo rivoluzioni nordafricane che hanno cambiato ben poco nelle società implicate, a parte i cambi di potere, i giovani europei farebbero bene a rivendicare il furto del loro futuro. Senza la prospettiva di un lavoro, di una casa, di una famiglia e di una pensione. Nulla è assicurato! Forse tutti noi, giovani e meno, stiamo entrando nella parte di coloro che per decenni sono fuggiti dai loro paesi in conflitto da guerre, eucarestie. Rischiando le loro vite per potere garantire un futuro migliore alle loro famiglie. La differenza tra noi e gli altri è che non usiamo i barconi subendo degli ignobili ricatti per dei viaggi allucinanti, ma possiamo permetterci il treno o l'aereo. Insomma sempre più giovani hanno scelto l'emigrazione verso paesi meglio organizzati, che offrono migliori prospettive. Ne sono la prova i numerosi studenti laureatesi con i sacrifici delle famiglie e migranti all'estero. È a questi volonterosi che bisogna guardare con ammirazione e stima, senza dimenticare tutti coloro che pur "rifugiandosi in ogni scarico" conducono una vita dignitosa ma pur sempre mansueta e precaria. Diciamocelo senza pudore. Ormai ogni forma di protesta nasce allo scopo di sfogare quegli istinti repressi, sul lavoro o in famiglia. Le vicende sociali interessano agli addetti ai lavori, mentre ci infiammiamo nello sport o in qualche sfilata che rappresenti i diritti di qualche classe minore. Poi tutto rientra nella normalità e ognuno vive il proprio mondo individuale. Si dirà che le generazioni precedenti sono responsabili di questo squallore ambientale e sociale, che la classe politica è vecchia e obbedisce agli interessi della finanza. Ci diremmo in cuor proprio, che non ci possiamo esporre di persona perchè metteremmo a rischio il nostro stato di benessere acquisito. Intanto le nuove generazioni, sempre più attratte dall'uso del pollice come strumento di comunicazione, piuttosto che il clic, si rifugiano come altre generazioni passate nei miti e nella moda. La vita è un ciclo che fa sempre ritorno, e il futuro farà sempre timore dato che il passato per chi non può più definirsi giovane era sicuramente meglio. Pensare a ciò che si vuole realmente, prendere tempo e quando avrò deciso seguiro le mie idee, i miei desideri, ignorando il giudizio altrui. Solo allora senza mai essermi voltato, lascero che le mie ali spiccano il volo verso quelle mete sempre desiderate, lasciando il comando del timone al mio cuore. Questa è la mia metafora sui giovani di spirito e meno di fisico, che guidati dall'ardore delle innate volontà sapranno realmente cambiare il mondo.

Sfere private deufradate 02/04
Ogni mese nel sito di rete sociale per eccellenza più frequentato al mondo vengono scaricate circa 3 miliardi di foto e una decina di milioni di video. Questi dati vengono depositati nei 40000 e più "data-center" sparsi nell'intero pianeta. L'intera "popolazione" iscritta al sito supera i 500 milioni. Cioè sarebbe il terzo paese più popolato al mondo dopo la Cina e l'India. Oltre un miliardo di dollari di sole entrate pubblicitarie sono stati stimate per l'anno 2010. Di quale sito parlo? Per chi non è di questo pianeta o non ha nessun contatto con le tecnologie parlo di "Facebook". Questo colosso per eccellenza si va sempre più imponendo sovrastando il motore di ricerca "google", come il sito più frequentato e come la memoria collettiva di una grossa parte della popolazione civilizzata che vive con più di un dollaro al giorno.
Così come timidamente anni or sono tramite le carte di credito e tutto ciò che in qualche modo digitalizzava tutte le informazioni sulle nostre vite, così oggi 500 milioni di persone hanno dato in pasto (in nome della libertà e dell'amicizia), le loro vite, che tramite i servizi delle reti sociali entrano direttamente nelle nostre case. È come appendere le nostre chiavi di casa su di un gancio davanti alla nostra porta. Potrei scrivere dei libri sull'argomento ma sarebbe pura masturbazione mentale, fine a se stessa. Anzi in questo oceano di dati le mie riflessioni sono poche goccie che non fanno che aumentare la marea inarrestabile degli opinionisti. Dunque per puro piacere di ritrovare vecchi amici "spariti" il navigare nelle reti sociali è un passatempo divertente e in apparenza innocuo. Anzi per molti è l'unica (ultima) ancora di appoggio al mondo esterno. Un'ulteriore servizio vantaggioso è quello che ognuno scrive nella propria lingua e, grazie a Google Translate, ci si comprende e ci si risponde in 4 o 5 lingue. Il web è ora parte integrante della nostra vita. Le mail hanno sostituito la vecchia lettera, le chat sono le nuove piazze in cui incontrare amici. Non si salva neppure il caro diario, che cede il passo al modernissimo blog. La potenza di questo strumento appare illimitata. Il suo punto di forza è senza dubbio il basso costo, che lo rende accessibile a quasi tutti il livelli sociali di questo pianeta.

Il grande passo esponenziale è poi avvenuto con l'accesso a basto costo alla rete dai cellulari, Ipad e simili. Ovunque ci troviamo in nome della libertà apparentemente acquisita, segnaliamo al nostro "grande fratello" i nostri movimenti, preferenze, gusti e opinioni. La via telematica dunque attrae proprio tutti. I più bravi restano i ragazzini, ma il numero di persone adulte che si avvicina al mondo virtuale non è più così basso. In un mondo dove la comunicazione è davvero a portata di click, resta l'incognita della sicurezza che interessa a pochi purtroppo. Di questo ne parlerò in seguito. Cosa comunichiamo effettivamente? Pochi dettagli, con il rischio che, oltre alla banalita, si arrivi anche all'assuefazione ad un certo tipo di informazione, scarna e parziale. La chiarezza è diventata schiava della rapidità. Ancor peggio se si pensa che un messaggio globale arriva a tutti allo stesso modo e può portare all'omologazione del pensiero. Si pensi poi che chiunque sul proprio blog può prendere di mira amici e non o rendere pubbliche informazioni su di essi, con buona pace della privacy. Inoltre, il potere mediatico di cui gode internet lo rende uno strumento appetibile anche a chi intende fare propaganda. Lo sa bene il mondo della politica. Nei consensi degli elettori sono nati e si sono consolidati dei forum virtuali. Un vero esempio di marketing politico-interattivo. Iniziative simili sono in continua espansione. Spesso è il dissenso a tenere banco. Le uniche classi politiche che ancora non ne tendono conto sono le nostre italiane e molti altri paesi europei più conservatori.

La potenza con cui le notizie vengono diffuse è gigantesca, al punto che qualsiasi disservizio smette di essere locale per diventare globale in pochi attimi. L'ultima novità è rappresentata dai gruppi sorti sul social forum Facebook. In queste bacheche virtuali i cittadini sdegnati trovano spazio per segnalare malcostumi e mancanze della classe dirigente, senza dimenticare neanche la più piccola lamentela. Dunque si può sperare che tutti coloro che fino ad'oggi non hanno avuto voce, ancora non si sono assuefatti alla realtà che li circonda, ma che hanno voglia di fare, cambiare e migliorare. Dunque le reti sociali come Facebook sono uno strumento utile per sensibilizzare le coscienze. Tutto ciò per prendere atto di un connubio ormai ben consolidato: quello tra comunicazione telematica e democrazia. La speranza è che nessuno metta il bavaglio al popolo della rete. Il monopolio dell'informazione dovrà appartenere al passato. I social media come Facebook e Twitter non sono solo provate fonti di notizie, ma vengono anche usati per pubblicizzare, promuovere l’integrazione del marchio e generare business. Con un simile potente strumento a disposizione, l'industria in futuro troverà nuovi e creativi modi per raggiungere i consumatori. L'intero marketing investirà sempre più nelle reti sociali che diventeranno dei portali sempre più potenti e integrati ad'altri siti già popolari Il tutto si fondera a "nostro" comodo in un'unica rete globale che possiedera ogni informazioni sulle nostre vite, e il pericolo di manipolazoni e del cosiddetto"Cyberbulling" farà sempre più tendenza.

Io ci sguazzo intorno e promuovo atti informativi che tengano conto anche dei pericoli a cui andremo incontro. Fin tanto che la rete sarà uno strumento informativo e non sconvolgera troppo le mie abitudini il pericolo è minore. Mentre per la massa purtroppo che ignora e odia sempre più gli approfondimenti e il ragionare in sè, la pesca che faranno le grandi imprese e gli organi governativi sarà eccellente. Oggi sempre meno persone leggono libri e approfondiscono i vari temi, che giornalmente i media propongono o gli interessi personali legati dalla curiosità motivano delle tendenze personali. Non è del tutto colpa nostra se siamo giunti a questo stato degradante ma in fondo comodo e piacevole per le masse o numeri di potenziali clienti. Noi pesci cadiamo nelle reti abilmente piazzate (studiate) con un semplice click, mentre i grossi marchi delle multinazionali, le imprese governative e chiunque è interessato alle nostre opinioni e tendenze, come degli squali ci attirera nelle sue fauci. Essendo meglio attrezzato di noi piccoli pesci privi dei necessari sensori che segnalano gli abusi, con il nostro tacito consenso ci attirera nella sua rete con il minimo sforzo. Anzi saremo noi tutti felici di fare parte della grande retata. Mentre scrivo migliaia di spensierati amici degli amici nelle reti sociali fanno clic sul simbolo "mi piace" aderendo nei database delle aziende che tramite Facebook, "acchiappano " gli ignari pesciolini che anzi saranno stupiti di ricevere email dalle aziende stesse con i tanto fastidiosi consigli per gli acquisti, in cui spesso si nascondono ogni tipo di minaccia virale per i nostri PC. Ma chi se ne frega sento rispondere da alcuni giovani da me interpellati, che anzi sembrano increduli ai miei sermoni sul tema. Prevedo che entro pochi anni il servizio di internet sarà completamente nelle mani delle aziende e dei governi cosiddetti"democratici", e la tanto dichiarata libertà di espressione rimarrà una chimera mai del tutto realizzata. Il tutto provocato da noi stessi che pigri e poco critici abbiamo permesso tutto ciò.

Energia vs Democrazia 15/03
Tra grossi clamori dei media internazionali e l'indifferenza della gente comune, le rivolte nel Nordafrica si allargano a macchia d'oglio, anche in tutti quei paesi del continente africano in cui per decenni regnavano con il consenso di noi paesi che vi abbiamo fatto affari e continueremo a farli, tiranni e oligarchie ben conosciute al mondo occidentale. Ancora ho presente il baciamano del nostro presidente del consiglio, o le grottesche figure del governo svizzero nella faccenda con la Libia di qualche tempo fa.

L’amicizia con la Libia ha anche dato sicurezza economica all’Italia per la fornitura di energia, ed il gruppo italiano ENI ha una forte presenza nella nazione ricca di petrolio. L'incertezza del governo italiano deriva dagli affari siglati dalle industrie militari italiane con il colonnello Gheddafi. A cominciare dalle controllate di Finmeccanica, tra cui Agusta Westland (elicotteri, anche da guerra), Alenia Aermacchi (aerei da combattimento) e Mbda (sistemi missilistici). Un altro paese dittatoriale che spara sui civili, di cui dovremmo, seguendo il principio adottato con la Libia attaccare, è l’Iran. In questo paese le forze del regime sparano direttamente su manifestanti pacifici e disarmati. Non c’è paragone diremmo noi, e se l’ONU ha autorizzato un intervento in Libia non si capisce perché non lo debba autorizzare anche in Iran, dove L’Italia era e resta il secondo partner commerciale? Per non parlare di Israele che ha ripetutamente massacrato i suoi "fratelli" palestinesi, mentre esiste tuttora un trattato di associazione con l'Unione Europea e un'accordo di cooperazione militare fra Italia e Israele.

Il problema è che non sappiamo quanto realmente si possa parlare di “processo democratico” in Libia ma anche in Egitto e in Tunisia. Prendiamo l’Egitto: il potere è passato in mano all’esercito e gli unici che hanno acquistato potere sono i Fratelli Musulmani. Non mi sembra una gran bella evoluzione. Anche in Libia, secondo molte fonti, a tirare le fila dei rivoltosi sarebbero i Fratelli Musulmani. Non vorrei che si passasse dalla padella alla Brace. Siamo infatti in presenza di un’ondata paragonabile a quella che, negli anni Ottanta, portò la democrazia in America latina e, negli anni Novanta, nell’Europa dell’Est. Non se ne parla ancora molto sotto questo aspetto, ma saranno ricordati come eventi di portata storica. Chi poteva prevedere che i giovani di questi paesi si ribellassero dopo decenni di soprusi, mettendo in crisi i nostri affari a volte sporchi con i loro governi? I servizi di intelligence sono stati spiazzati dato che in questi decenni ha dominato la paura dell’Islam. Siamo tuttora impreparati e tantomeno uniti nelle decisioni e azioni da intraprendere (vedi la questione dei profughi). Non sarebbe la prima volta che le previsioni sugli andamenti politici falliscano così clamorosamente.

È noto che la Cia non riuscì a prevedere il crollo del comunismo e che non si è stati capaci di avvertire lo shock petrolifero, l’ascesa della Cina, l’odierna virata a sinistra dell’America Latina. La lista sarebbe molto lunga e imbarazzante. In una trasmissione di qualche giorno, tra le tanti analisi e previsioni dei molteplici scenari che queste rivoluzioni potrebbero portare, il conduttore si chiedeva se non fosse meglio per la nostra economia, un ritorno dei governi di questi paesi al dispotismo e soppressione dei diritti civili, in cambio di una stabilità politica. Essa, continuava, avvantaggerebbe i nostri affari e garantirebbe oltre alle risorse primarie che questi paesi ci garantirebbero, un freno all'avanzare dell'islamiso come avvenuto in Iran per intenderci. Io faccio questa riflessione: Abbiamo vissuto nell’idea dello scontro di civiltà con l’Islam e col suo inevitabile corollario: l’incompatibilità tra l’Islam e la democrazia. Ci siamo cullati nella presuntuosa convinzione d’essere, noi occidentali, i monopolisti della democrazia fino a escludere, nelle scelte di politica internazionale, quella che continuavamo a predicare: la sua universalità. E ora siamo qua, a bocca aperta, a guardare eventi enormi che, in realtà, non sono affatto sorprendenti. In realtà non è più la nostra cultura di stampo europeista o anglosassone a dettare legge nel pianeta. Infatti già da tempo se ne è resa conto per primo il mondo della finanza, e negli ultimi anni quello economico.

La reazione propagandistica più evidente è di fare sembrare queste rivendicazioni di altri paesi contaminati dal virus della democrazia, dalla libertà di espressione e sopratutto dalla maggiore crescita demografica e finanziare, come delle serie minacce per tutti noi. La prima delle quali è l’ Islam, seguita da altre quali gli stati canaglia, l’ immigrazione, l’ espansione della Cina, il riarmo, i conflitti e le guerre.

Dall'idea proposta da Emanuele Kant, il filosofo che più ha creduto nell’ espansione della democrazia e dell’ emancipazione umana: Ovvero quella del trionfalismo progressista, che vede una crescita lineare ed ineluttabile della democrazia, cosa è rimasto se non un'avanzamento dell'imperialismo occidentale e anche sempre più disarmante contro le nuove forze emergenti come la Cina, l'India e in genere il continente asiatico che con la forza dei numeri (a mio parere) prevarrà nella leadership mondiale su ogni fronte. Dunque secondo Kant, l'uomo moderno ritiene che la realtà possa essere modificata e la sua saggezza consiste nell'adeguare noi alla realtà. Inoltre informandomi non solo dai canali ufficiali come la televisione o i giornali locali, ma facendo le mie indagini personali, alla fine avrò una visione che è solo quello io stesso avrò costruito mentalmente. Voglio dire con questo che ognuno ha la sua idea, indipendentemente dalla realtà che sarà nella mia vita di tutti i giorni o sul campo di battaglia. Dunque per proteggere il nostro benessere necessitiamo innazitutto di fonti energetiche sicure e convenienti. Kant in una sua massima diceva: "Agisci in modo da trattare l'umanità, nella tua come nell'altrui persona, sempre come fine, mai come semplice mezzo". Senza essere legati a principi religiosi direi che i nostri politici abusivi ma delegati da chi manovra la finanza, attua all'inverso della massima di Kant, usando sia noi (per avere il consenso), e gli altri malcapitati per raggiungere i propri lucri scopi. Indagando sulla rete si scoprono con la dovuta e scrupolosa attenzione, tante altre verità che nessun giornale ci dirà mai. Se facciamo caso i paesi che soccombono in crisi finanziarie, sono in un secondo tempo quelli più soggetti alle guerre. Vorrei parlare del ruolo del "Fondo Monetario Internazionale" come l'ho capito io rileggendomi gli ultimi 50 anni di crisi internazionali, ma dirò semplicemente che spesso le crisi mascherate da guerre, fanno da deterrente alla guerra in atto da diversi decenni che è quella finanziaria.

Ecco spiegate le varie guerre di occupazione attuate negli ultimi dieci anni da parte dei nostri governi sotto la guida degli Stati Uniti e delle altre ruote del carro tra cui anche l'Italia. La motivazione è di carattere umanitario, ma dietro si celano gli interessi delle compagnie e lobby finanziarie che sono le vere mandanti di ogni azione e decisione presa. Alla propaganda di dissuasione ci pensano poi le nuove tecnologie e l'ignoranza dilagante di chi subisce tutto ciò. Distraendoci da prendere decisioni rilevanti, ci modella a tal punto che nel vedere le tragedie in atto provocate dai nostri governi ci fanno girare la testa dall'altra parte. Dunque se dopo l'11 settembre l’ imbroglio dello scontro di civiltà (con annessa teoria della superiorità etico-politica dell’Occidente) è oggi nella polvere, sconfitto dai giovani arabi che manifestano per i diritti universali. Adesso dobbiamo fare attenzione a non cadere nella trappola, di lasciare che questo grande patrimonio ereditato dal pensiero di Kant cioè la democrazia, non possa essere il piu grande fattore di stabilità e di pace di lungo periodo. Le democrazie riducono i budget militari, cioè gli strumenti della guerra. Sono il metodo della non violenza applicato ai rapporti interni e internazionali. È stato così in passato e sarà così anche nel mondo arabo.

Per finire pongo a chi mi legge questa domanda di cui non trovo una risposta, se non nell'influenza propagandista. Stranamente anche nel parlamento italiano dopo anni di litigi su ogni cosa, si è trovato subito l'accordo anche tra coloro che sono sempre stati sostenitori della pace ecc. Come mai non ho visto nemmeno una bandiera arcobaleno? Sui balconi, dico! Alle finestre almeno! E nemmeno per strada. Fateci caso: non ci sono vessilli della pace. Neppure uno. Eppure vi ricordate quanti ne sventolavano ai tempi dell’Iraq? La situazione non è poi così diversa: allora c’erano i raid aerei, un dittatore arabo, le popolazioni oppresse da difendere, qualche interesse per il petrolio. Adesso ci sono i raid aerei, un dittatore arabo, le popolazioni oppresse da difendere, qualche interesse per il petrolio. Dov’è la differenza? Bisogna chiederlo agli esperti dei vari talk show che come dei santoni annunciano il loro sermone di belle parole, riempiendo i vuoti tra una pubblicità e l'altra. La mia visione poco autorevole ma attenta afferma che, i bombardieri sono solo i veicoli di queste operazioni imperialiste e noi che viviamo sulla sponda più fortunata, i diretti benefattori.

Le vicende mediatiche e noi 04/02
Sono esse che determinano la realtà? Ovviamente no, per coloro che vegetano per il solo interesse professionale e materiale, ignorando completamente le vicende di questa società. Ognuno nutre gli interessi in cui si identifica meglio, a seconda della classe sociale, nazionalità e cultura. Ma allora per chi sono le informazioni mediatiche sempre più veloci e personalizzate? La risposta è scontata e riconducibile ad'un unico fattore. Le vicende mediatiche non hanno molta valenza riflessiva, ne tantomeno mobilitano le masse per formare delle nuove idee che porterebbero ad'un miglioramento delle nostre condizioni di vita. Esse servono unicamente da contorno alla pubblicità o al gossip. Magari nei siti sociali sempre più in voga molte idee valide circolano e molte amicizie si sono create ma è ancora poca l'influenza reale alle nostre vite.

Quante rivoluzioni mediatiche sarebbero possibili se fosse la nostra indole personale a decidere e non il mondo mediatico? Essi sono i nuovi mostri e divorano tutto ciò che puzza di scandalo, cronaca e sensazione. Essendo lo strumento mediatico nelle mani degli squali o magnati della finanza, a loro volta dipendenti delle correnti politiche che finanziano e hanno così accesso al libero mercato dell'informazione ecc. In tutti questi intrecci tra politica e affari il vero cliente da persuadere, siamo noi animali da salotto o ultimamente da cybernauti assetati di una virtualità ad'ogni livello stimulativo e sempre meno legato al mondo reale delle sensazioni. Il nostro protagonismo è limitato all'assuefazione dai telequiz, telenovele, telefilm, telegiornali, telepromozioni, televideo, teleguide, telethon, telelavoro, teleleasing,telemarket, telematici, telepass e molti altri tele che ora mi sfuggono. L'epoca attuale offre diversivi in quantità, per gli afflitti, quelli che ricercano la ricchezza, quelli che ricercano la conoscenza, e magari i saggi. Questi protagonisti attvi o passivi si possono paragonare metaforicamente a quattro caste distinte.

Nella prima casta, quella dei servitori, sprovvisti di beni e privi di conoscenza spirituale, è naturale che si rivolgano al Divino o a un'entità superiore come ad un supremo protettore: per loro la preghiera, indirizzata ad un Dio paterno, è una richiesta di consolazione ed assistenza. Inoltre per non fare pesare troppo i loro sensi di colpa e inferiorità verso chi detiene le redini del potere, ritengono necessario identificarsi tramite l'acquisto di merci ai loro capi. L'apparenza e l'eterna giovinezza sono gli scopi prefissi da questo livello maggioritario e limitato.

Per la seconda casta, quella dei produttori di beni (agricoltori, artigiani, ecc.), la ricerca del benessere materiale è legittima: essi si rivolgono al divino e supremo denaro, procurano loro potere, evitando le avversita e donando loro apparente fortuna. Le loro motivazioni sono accompagnate da offerte materiali, per meritare onestamente l'accesso nell'olimpo della casta successiva, ed assume il carattere di un baratto o di una transazione commerciale. In essi ogni mezzo giustifica il mezzo da adottare.

Nella terza casta, che definisco :"i ricercatori della conoscenza spirituale", la ricerca di un sostentamento o identificazione esterna non è più sufficiente. Sacrificare persino la propria vita nella lotta contro l'ignoto, senza riverenza verso l’opulenza e dei beni di questo mondo. Alla ricerca ossessiva del divino che non è un essere, per quanto potente, ma l’essere Infinito che abbraccia tutti ogni cosa vivente. Tutta questa volontà opera nell’uomo un effetto alchemico. Questo "Mistero", un procedimento occulto tramite il quale i pensieri ed i desideri, compiuti e condizionati, sono convertiti in volizioni spirituali. Un tale processo è chiamato "Trasmutazione Spirituale". In questo percorso di crescita spirituale, lo scopo è conoscere il proprio modo di vivere la la propria interiorita, sentirsi parte integrante dell'universo e tanto altro materiale di natura mistico e non. È l’intensità delle nostre ardenti aspirazioni che convertono i nostri istinti in "preghiera o ricerca Filosofale", quella preghiera che trasmuta il piombo in oro puro. Diventando la nostra forza attiva o creativa che produce quegli effetti che desideriamo. La misteriosa trasformazione che porta così l’uomo a mettersi all’unisono col suo Sé profondo, mette alla sua portata una sorgente insospettata di potere spirituale e decisionale. La nostra volontà al potere, annienta ogni influenza esterna e per questo, siamo i meno interessanti o pericolosi per coloro appartenenti alle prime due caste.

Per la quarta categoria di fedeli o infedeli a seconda delle aspirazioni, i Veri Saggi, che hanno oltrepassato la "stretta soglia dell’Iniziazione", la preghiera che dà "accesso al Regno degli intoccabili" (o megagalattici direttori), non si distingue più dalla meditazione. Essa porta alla beatitudine estatica, nella stretta comunione dell’Anima Superiore con l’Essenza Universale. In altre parole non sarebbero neanche più umanamente concebibli tali esseri. Di tutte le cose dette e non dette scorrono giornalmente fiumi d'inchiostro (oggi bit), milioni di lettori cercano invano il fluido magico che doni più serenità e qualche amico in più, nell'etere del digitale. Seppure afflitti da questa dipendenza mediatica che da loro consenso e celebrita, e il razionale non li abbia del tutto abbandonati, queste persone fanno parte di un mondo diverso e superiore al nostro. Sono i geni, gli inventori coloro che hanno sfondato in qualche campo scientifico o alla guida di comunità religiose o finanziarie.

Come ultima riflessione sull'influenza mediatica che definirebbe queste quattro categorie schematizzate ma invisibili, un'altro fattore è secondo me determinante. L'utilizzo dei sensi in modalità analogica o digitale.

L'analogico al contrario riproduce, l’altro quello più moderno simbolizza. Gli studiosi del comportamento umano direbbero: Semplificando, l’emisfero destro elabora soprattutto l’analogico, il sinistro il digitale. Cosa c’entra tutto ciò con la nostra vita quotidiana? “C’entra molto. Ad esempio possiamo ipotizzare che la cultura occidentale sia prevalentemente digitale a causa del tipo di scrittura che utilizza. Per concludere questo lungo aforismo sulle vicende mediatiche senza volere cadere in facili forzature, va tenuto presente che i processi mentali avvengono attraverso un costante scambio tra la modalità analogica e quella digitale, anche se non sarà mai possibile rappresentare in maniera completa la realtà. Il mondo mediatico è un prodotto delle nostre menti utlizzato per informare ma anche per strumentalizzare di pensare una determinata cosa in quel momento o epoca. La combinazione poi delle realtà analogiche e digitali si mescolano tra loro a seconda del soggetto che sta analizzando. Nessuna poesia può evocare nel lettore gli stati d’animo e i sogni del poeta che l’ha scritta. Niente è come sembra e tutto è un'interpretazione.


Il cavallo sanremese e il bunga-bunga 15/02
Dopo tante liti e divisioni in altri palcoscenici meno aristocratici ma più reali come quelli politici, Benigni ha unito l’Italia per circa una mezz'ora. Un pò con le solite retoriche sul cavaliere, con cui ci ha costruito su gli ultimi anni della carriera gloriosa. In un momento in cui ognuno che abbia facoltà di sparlare e apparire sullo schermo, predica sulle buone maniere, sulla brutta figura che ogni giorno aumenta all'estero, e sulle dimissioni obbligate da parte del premier. Sopratutto per via dei quattro processi a suo carico che nei prossimi mesi si (ri)apriranno. Quello sul caso Mondadori,
ce lo siamo dimenticato ma forse è quello che più terrorizza Berlusconi perché si parla di soldi. Quello per i fondi neri sulla compravendita di diritti televisivi dall’America all’Italia. Altro processo è quello su Mediatrade, lì è accusato di propriamente indebita e frode fiscale. Infine il processo Mills che si è già concluso per l’Avvocato Mills con la condanna in primo e secondo grado. Mills era accusato di essere stato corrotto da Berlusconi per fare delle false testimonianze e salvarlo in alcuni processi, Berlusconi è accusato di averlo corrotto con 600 mila dollari.

Leggendo "Ad Personam" di Marco Travaglio (molto di parte ma preciso e informativo fino all'eccesso), viene il mal di testa e regna l'incredulità di come un'intera classe politica (inclusi alcuni nostri rappresentanti), sia corrotta e disonesta. Ma a guardare il comportamento di molti normali cittadini, dove le regole sono derise e l’illegalità è spesso considerata una carta da giocare nella partita per il successo, si comprende che i regnanti oltre ad'essere di cattivo esempio fanno comodo un pò a tutti. Sopratutto quello lì che viene nominato per ogni malessere del nostro Bel Paese. Analizzando la storia politica degli ultimi 17 anni le opposizioni hanno più volte evitato di fare cadere i tre governi guidati dal cavaliere, per sostenere poi il contrario in piazza o vomitando veleno ad'ogni occasione, anche con trasmissioni televisive ideate esplicitamente spesso senza diritto di replica per mettere in cattiva luce il premier e il suo governo. Gli scandali hanno dilagato in ogni rappresentanza politica, e noi cittadini a secondo dei propri interessi personali o di atti furbeschi abbiamo sostenuto chi oggi viene logorato giornalmente da una gogna mediatica che ha oltrepassato ogni confine e credibilità. Per fare un'esempio di questa passivita delle opposizioni, dettata sia dalla mancanza di forti personalità ma anche dall'impresa per niente difficile di nascondere i propri scheletri nell'armadio, in questa legislatura le opposizioni(?) hanno avuto più volte la possibilità di far cadere il governo. Sarebbe stato un atto meritorio, ma non è avvenuto. E la politica è stata sostituita da Ruby e altre gentili signore che venivano invitate a casa Arcore, per bere dei crodini e ascoltare qualche
canzone intonata magari dallo stesso premier (che noia), oltre alla visione su maxi schermo di qualche dibattito politico dei sui avversari registrati dalla televisione. Noi popolino furbetto ci accontentiamo delle mezze verità dei Benigni, Grillo, Santoro e via dicendo, che vivono e ci vivono di questo valzer grottesco che è la politica e società italiana. Non che al di fuori dei confini le cose vadano tanto meglio, ma le opposizioni dove ve ne siano di serie, vengono abilmente messe a tacere dalla propaganda e metodi persuasivi (economici) più forti. Si ha così la convinzione che solo da noi vada tutto a rotoli, e senza falso pudore ce ne vergogniamo. Per sapere qualcosa sulla storia del nostro paese abbiamo bisogno di seguire Sanremo e il suo giullare Benigni che, sfogliando i versi scritti da Mameli, ha insegnato agli spettatori in mezz’ora quanto non hanno imparato in anni. Anche se il giorno dopo su LA7 due storici litigavano fra di loro sulla veracita dei contenuti del comico toscano. Ma a noi bastano i brividi che ci ha donato l’attore toscano intonando l’inno «come lo avrebbe fatto uno di quei ragazzi che andavano a morire per fare la patria», e ha fatto dimenticare il cachet di 250mila euro ricevuto che va a compensare quello che avrebbe dovuto avere per Vieni via con me, la trasmissione
di Fazio-Saviano in cui invece andò gratis. Mentre migliaia di lavoratori sono in cassa integrazione a 800 euro al mese. Viva la coerenza dei compagni.

Vi sono diverse contraddizioni in questo nuovo tormentone della politica italiana chiamato bunga-bunga. Ultimamente ho letto in un tabloid inglese che Ruby dichiarò ai pm di aver fatto sesso, a 17 anni, con Cristiano Ronaldo e di aver subìto le avances di un imprenditore. Ma l'unica indagine aperta è quella a carico di Silvio Berlusconi, con cui lei giura di non aver mai avuto rapporti intimi. Crolla pure il "caso Mubarak". Ruby disse di essere la nipote del rais già nel 2009.

Per tornare al "bunga-bunga" Secondo una barzelletta che circola ovunque, sui giornali e ovviamente sui siti internet, vi sono due ministri del governo in carica che vanno in Africa, su un’isola deserta, e vengono catturati da una tribù di indigeni. Il capo tribù interpella il primo ostaggio e gli propone: "Vuoi morire o bunga-bunga?". Il ministro sceglie: bunga-bunga. E viene violentato. Il secondo prigioniero, anche lui messo dinanzi alla scelta, non indugia e risponde: "Voglio morire!". Ma il capo tribù: "Prima bunga-bunga e poi morire". Sarebbe questa dunque la fine del cavaliere e di tutta la maggioranza che governa in Italia?

Secondo il mio modesto parere non avendo proposte concrete l'opposizione punta tramite gli scandali al bersaglio grosso del pubblico più influenzabile e popolare, che non legge i giornali e di certe cose sa solo per sentito dire, facendo passare la tesi, che tutti i politici sono colpevoli, quindi nessuno è realmente colpevole!

Finisco con una citazione di un testo di Franco Battiato molto significativo:

Povera patria! Schiacciata dagli abusi del potere di gente infame, che non sa cos'è il pudore,
si credono potenti e gli va bene quello che fanno; e tutto gli appartiene.
Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni! Questo paese è devastato dal dolore...
ma non vi danno un po' di dispiacere quei corpi in terra senza più calore?
Non cambierà, non cambierà no cambierà, forse cambierà
.


Per noi polli felici 17/01
Se un'osservatore neutrale diciamo in viaggio turistico, proveniente da un'altro pianeta più evoluto, zoomando prima vicino e poi piano piano allontanandosi dalla visuale della terra, farebbe un resoconto sulla nostra società globale, il suo taccuino potrebbe contenere i seguenti appunti:

Una massa di circa 3/4 della popolazione mondiale vive in condizioni precarie, e pagano sempre più gli errori dell'oligarchia economica sempre più dominante.

Le classi medie si stupiscono ancora delle cose che saltano fuori (vedi Wikileaks), ma non che i governi mettono il bavaglio a chi le pubblica.

Finirà che questo sarà il pretesto per toglierci quel poco di libertà virtuale che abbiamo.

I ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri aumentano in ogni continente.

I cambiamenti climatici provocano sempre più costi elevati sotto forma di vite umane ed'economici provocando ripercussione sull'intera economia mondiale.

La fame e le malattie raggiungono la più alta percentuale di sempre.

La disoccupazione dilaga come la malaria in Africa!

Molti stati sono al colasso finanziario.

Le banche nonostante le crisi economiche, aumentano sempre più i loro capitali insieme ai loro capi privilegiati.

Il debito pubblico aumenta grazie ai privati e ci viene servito anche il conto da pagare.

L'industria delocalizza la propria produzione verso paesi a basso costo di produzione e intanto da noi continuano ad'aumentare i prezzi.

Le mafie fanno sempre più shopping di banche e imprese e aumentano il loro potere sui governi.

Il mondo industriale vuole smaltire l'intera struttura sociale in occidente, per rimanere competitivo con le nuove potenze economiche.

Siamo sempre più controllati dagli apparati statali che schiavi delle lobby industriali spiano le nostre vite, gusti, movimenti e pensieri.

Per mancanza di tempo il nostro viaggiatore immaginario dovendo rientrare, riassumerebbe nel suo rapporto le seguenti note:

Gli abitanti di questo pianeta sono stati rinchiusi in un pollaio, li hanno convinti che lì dentro stanno i giochi e essi devono concentrarsi. Tutto vogliono meno che loro scoprano che le fonti dei loro mali stanno TUTTE fuori dal recinto in cui vivono, perché se lo scoprissero allora gli incepperebbero il gioco e li potrebbero fregare.
Li hanno convinti che la libertà e la dignità oggi per loro significhi contrattare su un altro metro quadro di recinto infestato di cacca. Sperano che a nessuno di loro salti in mente di accorgersi che fuori dalla rete del pollaio ci sono spazi di salvezza illimitati in termini economici, che li hanno sempre tenuti nascosti. Avendo l'alieno un'intelligenza più evoluta, e avendo elaborato in brevi istanti ogni possibile soluzione da consigliare e lasciare in mano ai polli, all'ultimo istante decise che non ne valeva la pena lasciare i suoi preziosi appunti all'umanità. Quando poi rientrò nel suo mondo lontano anni luce dal nostro, davanti alla commissione di vigilanza che dopo avere ascoltato il suo racconto si fece consegnare il manoscritto. In esso vi era scritto oltre alle note introduttive, tutte le esperienze fatte sulla terra e un personale commento sulle vicende umane.


I Sistemi di Potere, brutali, corrotti, avidi sono la cosa più comune della Storia del nostro pianeta e credo che anche del pianeta terra appena visitato, ci sono sempre stati: L'imperialismo, la schiavitù, l'Inquisizione, il fascismo, certi comunismi, tutti fenomeni confronto a cui Berlusconi o le oligarchie e la criminalità organizzata sono quisquilie. La storia però ci insegna che i popoli ad'un certo punto si sono organizzati, e hanno sempre uno a uno fatto capitolare il tiranno o il sistema ingiusto di turno. Anche senza gli strumenti moderni come la democrazia e il benessere dei paesi più evoluti, rischiando la vita o la tortura in difesa dei propri diritti questi uomini diventati poi dei gruppi e delle entità rivoluzionarie, hanno dato vita a degli stati nascenti di nuove idee. Ribaltando le precedenti e rimuovendo con fermezza i responsabili, spesso privando gli ormai deposti usurpatori della loro vita. Nessun tipo di blog avrebbe potuto informare il popolo su ciò che veniva loro imposto per difendere il potere acquisito. Parlo di torture, lo stermini, sparizioni nelle fosse comuni. Nessuna giustizia tutelava i presupposti rivoluzionari. Oggi solo chi vive all'estremo e limite della sua esistenza, rischia la propria vita per migliorarla. Il dramma non è l'esistenza delle caste finanziarie, del Fondo Monetario o di Wall Street. Il dramma non è che vi manca l'informazione, non è infatti che non sappiate quanto brutali, corrotti, avidi essi siano. Il dramma è che non sapete o potete più opporvi essendo voi i primi nella Storia a essere così pavidi. Perché il dramma siete voi, e la vostra pavidità. Uscite dal pollaio, voi ciechi volatili ridotti all’indecorosità della lotta per conservare un metro di schiavitù? Cosa aspettate a volare sopra la rete e a diventare persone che conquistano diritti? Oggi siete dei polli.


Le mie formule inesatte 15/01
La politica chiusa nel palazzo spranga sempre più le sue porte, e separa due mondi sempre più distanti.
A Londra i ragazzi assalgono le banche, copiscono l'auto di Carlo e Camilla. In Grecia si accendono i fuochi in piazza tra la protesta generale per la crisi economica che sembra non abbia fine. In Italia durante il voto di fiducia al governo migliaia di manifestanti rivendicano i loro malumori sulla riforma universitaria, la gestione scandalosa degli appalti dopo il terremoto in Abbruzzo e in generale sull'occupazione sempre più precaria in ogni settore. In Tunisia un giovane, si è dato fuoco il 17 dicembre scorso davanti alla prefettura come gesto di protesta. La Tunisia è infiammata dalle proteste nate per ragioni sociali e la popolazione ora chiede più apertura democratica.

Come già per altre crisi negli ultimi anni si attribuisce alla proliferazione dei crediti ipotecari ad alto rischio detti “Subprime”, accordati dalle banche americane ad una categoria di clientela a basso reddito. Tutto ciò e tanto altro sono figli del neoliberalismo che dilaga e si espande su tutto il globo. I governanti consigliano che per sostenere la crescita e migliorare la competitività e mantenere gli equilibri, dobbiamo tutti fare dei sacrifici. Stranamente questi sacrifici vengono chiesti a coloro che oltre a non capirci niente sull'andamento economico, hanno sempre meno interesse per le vicende politiche e finanziarie, ma si preoccupano unicamnete di mantenere i propri conti a fine mese. Il debito che non ci abbandona più è parte integrante della nostra vita, e le uniche soddisfazioni non spirituali ci assorbono a tal punto che siamo come calamintati dall'acquisto a tutti i costi. È una forma di valvola di sfogo che riempe in qualche modo il vuoto lasciato dalle cose positive e semplici ma a detta di tutti impercebibili o sempre più lontane. Dei problemi del vivere in una moderna società con tutta la sua violenza e corruzione, della ricerca individuale di sicurezza e felicità, ne parlo ormai all'esaurimento dal ormai lontano 2003, quando naque questo sito.

Mi sforzo di capire con la scrittura e la riflessione, il perchè della mia necessità di liberarmi dalla rabbia per le ingiustizie, le offese, del dolore e così via. Non appartengo a nessuna religione praticata, setta o movimento politico perchè sono convinto che proprio essi sono la causa di molte divisioni. In un bellissimo film visto di recente "Il mio nome è Khan (titolo internazionale My Name Is Khan) è un film diretto da Karan Johar, uscito in India nel febbraio 2010, la madre del giovane Khan spiega al figliolo che vi sono de categorie di uomini. Quelli buoni e quelli cattivi, senza distinzioni tra bianco, nero, cristiano, ebreo o mussulmano.

Oltre a questa massima così semplice ma veritiera, se chi produce le crisi finanziarie e noi incoscienti consumatori, camminassimo insieme con rispetto su questa terra, senza distruggere noi stessi e l’ambiente, mantenendo un profondo senso di rispetto per la natura tutto il creato e il prossimo, saremmo tutti un pò più felici. Ma i sentimenti nazionalistici e, la propaganda protezionista dei singoli paesi più evoluti fanno si che nutriamo dell'astio verso gente che conosciamo poco e ci interessa ancor meno conoscere. Diceva Oscar Wilde: "Se hai trovato una risposta a tutte le tue domande, vuol dire che le domande che ti sei posto non erano giuste". Per questo sotto forma di forum io non propongo formule esatte per spiegare le cause dei malumori sociali,ma lasciando libero sfogo alla riflessione, senza grosse pretese scrivo le mie supposte verità. Tento con mia soddisfazione di porre "domande chiave" perche ritengo siano il sentiero su cui trasforare una percezione passiva e timorosa del mondo in un’esplorazione dinamica delle informazioni e delle soluzioni di cui abbiamo bisogno. In molte aree di conflitto non si può dire che oggi manchi il dialogo ne tra le diverse generazioni o classi sociali, se ci riferiamo agli strumenti disponibili. Anzi, c’è una comunicazione costante: ci sono i governi impegnati in questo, ci sono le organizzazioni non governative e le diverse fondazioni. Siamo tutti concentrati a far dialogare tutti con tutti.

Nei vari "Social network" ci sono diversi elementi che creano un’identità di gruppo. Un grande gruppo è fatto da milioni di persone che non si incontreranno mai. E, nonostante le sue divisioni interne, un gruppo è capace velocemente di ricompattarsi. Nei momenti di esaltazione o di sconforto, le differenze si annullano e il trauma o la gioia diventa condiviso. Una volta stabilita l'identità e appartenenza di un gruppo, a partire dall’individuazione di un nemico il gioco è facile. Le lotte in piazza alle nostre latitudini, si manifestano laddove è consentito e spesso chi vi partecipa, il giorno dopo rientra al suo ovile negando ogni partecipazione attiva. Per i più pigri di spirito e audacia, il mondo della notte e degli eccessi offre un'ideale valvola di svago e sfogo per tutte ciò che nel corso della loro vita non sanno, possono e vogliono ribadire. Come ci sentiremo nel prossimo futuro nella puzza a beccarci pochi metri di libertà sempre più limitata e ridotta a prigione? Non sarebbe meglio farsi raccontare guardando indietro nella storia, chi veramente ci ha fottuti? Ma questo richiederebbe una maggiore attenzione o se vogliamo sublimazione di quella cosa ridotta a spazzatura e chiamata originariamente cultura.


Inizio d'anno improvviso 02/01
Tra il timore patologico di un processo stressogeno quale può essere l'affonosa ricerca dei regali da comprare, o della meta vacanziera da scegliere con il conseguente viaggio, e alle molteplici attività. La tanto sospirata pausa natalizia e l'attesa per il nuovo anno, in pochi giorni svelano la loro effimerità e tanti buoni propositi cadono nel angolo più remoto della mente. Sarebbe opportuno conciliare il lavoro con le attività rilassanti, interrompendo il flusso operativo. È cosa comune, ad esempio, controllare durante il weekend la propria posta, così da avere controllo continuo sulla situazione ed evitare ripartenze da fermi ad inizio settimana. Tra tempo rubato al lavoro e tempo sottratto alla vita privata, l’equilibrio precario in ballo sembra essere un tema destinato ad essere affrontato in futuro. La tecnologia, insomma, potrebbe aver dato il via ad una ennesima involontaria rivoluzione in divenire. Sapere staccarsi dal flusso continuo di messaggi e informazioni, alle chiamate che segnalano la nostra postazione. Oggi rispetto al passato spesso diciamo rispondendo al telefono "dove sei?" invece del classico "pronto? ciao come stai?". Le ultime vacanze hanno poi confermato il boom di utilizzo di ciò che dovremmo invece sconnettere per "essere veramente in pausa" degli strumenti di comunicazione e tecnologici. Questo vale per tutte le categorie di età e livello sociale. Senza il mio solito sermone sulla tecnologia e il suo uso aberrante, l'inizio del nuovo anno, mi rende particolarmente felice e ottimista. Scoprendo le infinite bruttezze e ingiustizie di questo mondo con ogni mezzo disponibile, mi rendo conto che vale unicamente l'interpretazione di tale bagaglio informativo. Anzi la reazione a cui sono propenso andando a fondo sulle vicende politiche, economiche o sociali e di compiere diligentemente le proprie mansioni a cui i vari ruoli ci competono, svolgendo tutto con grande passione e amore. Il giusto premio saranno poi le immersioni in profondità dei pensieri o fantasie che ognuno dovrebbe rivendicare per nutrire la sua quiete interiore. Scegliendo una giusta attività adatta alla propria personalità e possibilità, resettando per così dire le mansioni quotidiane e dedicando il bene più prezioso ossia il tempo. Staccare la spina non vuol dire rimanere inerti, ma dedicare la giornata a tutte quelle "piccole" cose di cui non troviamo mai il tempo. Curare il benessere fisico e spirituale, nel mio caso, consiste p. es. di organizzare da solo o con la famiglia una gita in bicicletta. Senza dimenticare un buon libro e scoprendo luoghi ancora sconosciuti. Insomma il passaggio di anno ha un'importanza relativa se confrontato con le esigenze personali immune dai luoghi comuni, dai falsi propositi quasi mai rispettati a lungo termine. È il disporre come in ogni periodo di non attività lavorativa del proprio tempo da sfruttare solo per se stessi. Nel mio concetto personale maggiore è il distacco dalle comodità e automatismi che il progresso ci offre, e più grande la "cura" e disintossicazione dal mondo moderno in cui il tempo e le relazioni sono spesso legate alla religione più in voga, ovvero i mezzi economici e la tecnologia che ne è il suo strumento. Pace e serenità di spirito auguro a tutto il mondo, che si liberi sempre più dai falsi miti del nostro tempo, per avviare una ricerca dei valori positivi del passato come l'amicizia, la famiglia e il dolce far niente unito ad'uno stile di vita lento o slow per i più moderni.



 

   
Copyright © pluchinik.ch 2003 all rights reserved.
Last modified Mai 1, 2013